fbpx

Far conoscere la storia e l’Arte ai bambini è più facile se le visite nei Musei sono animate da attività didattiche divertenti. A Roma sono tanti i musei che hanno attivato al loro interno una serie di laboratori dedicati alle famiglie. Ecco in ordine alfabetico la selezione pensata per voi e i vostri bambini.

Centrale di Montemartini

La Centrale Montemartini è il primo impianto pubblico per la produzione di energia elettrica, intitolato a Giovanni Montemartini, che oggi ospita un’interessante parte delle sculture dell’antichità classica tornate alla luce nel corso degli scavi eseguiti a Roma tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento.
L’esposizione ricostruisce i complessi monumentali antichi ripercorrendo lo sviluppo della città dall’età Repubblicana fino a quella tardo imperiale con episodi particolarmente significativi e spesso quasi sconosciuti al grosso pubblico, come nel caso del grandissimo mosaico con scene di caccia proveniente da S. Bibiana. I grandiosi ambienti della Centrale ed in particolare la Sala Macchine con i suoi preziosi arredi in stile Liberty conservano inalterati turbine, motori e la colossale caldaia a vapore, uno spettacolo per i bambini.
Dallo scenario affascinante e suggestivo, nella Centrale Montemartini sono conservati alcuni dei capolavori della scultura antica, come il ciclo di statue che decorava il frontone del tempio di Apollo Sosiano, il colossale acrolito raffigurante la dea Fortuna da largo Argentina e la figura pensosa della musa Polimnia vengano esaltati in questa atmosfera che rievoca da un lato la grandezza monumentale di Roma antica e dall’altro un passato più recente e la memoria di uno dei primi ambienti industriali romani.
http://www.centralemontemartini.org/

 

Chiostro del Bramante – Accademia dei Piccoli

L’Accademia dei Piccoli è lo spazio interamente dedicato ai bambini all’interno del Chiostro del Bramante. L’Accademia dei piccoli offre una variegata programmazione di corsi ed iniziative speciali con laboratori didattici organizzati durante le mostre e attività di intrattenimento gestite da operatori esperti. Un modo diverso per stimolare la creatività e la fantasia dei bambini, mentre i genitori ritrovano finalmente un momento per loro stessi in un luogo attento ai bisogni dei grandi e dei piccoli. Naturalmente anche il Chiostro del Bramante vale una visita: esempio di architettura rinascimentale, è un delizioso spazio dove potersi immergere nella storia dell’Arte italiana. http://chiostrodelbramante.it/info/il_chiostro_dei_piccoli/

 

Explora

Rivolto principalmente ai bambini dai 3 ai 12 anni, a scolaresche e famiglie, Explora, il museo dei bambini di Roma è situato a poca distanza da Piazza del Popolo nel recuperato Spazio Flaminio, ex deposito ATAC che risale al 1877. Explora è stato voluto e concepito senza barriere architettoniche, studiato nel rispetto dell’ambiente e realizzato con materiali riciclati e riciclabili. Per chi ancora non lo conoscesse, il padiglione espositivo è caratterizzato da una struttura metallica in acciaio con colonnine in ghisa, pareti a vetrata e un grande lucernario come tetto, sul quale poggia un impianto a pannelli solari che dimostra come sia possibile trasformare in energia elettrica l’energia solare. Nel museo è rappresentata la città, con le sue strutture, i suoi servizi, riproposta come un enorme giocattolo che i bambini possono adoperare, osservare, toccare, scoprire, in piena autonomia e attraverso il gioco e la socialità. La rappresentazione della città è sottolineata dalla scenografia dell’ambiente con i corridoi pavimentati come strade vere, con marciapiedi e passaggi pedonali, un semaforo, piante e verde. https://www.mdbr.it/

 

GNAM

Scoprire la Galleria Nazionale d’Arte Moderna (GNAM) e la sua collezione insieme ai bambini sarà un’esperienza coinvolgente ed emozionante! Nella sale del Museo potrete girare liberamente, prendere all’ingresso la mappa gratutia della Galleria, non seguire un percorso prestabilito, sostare davanti alle opere, sentendo i pensieri in libertà dei più piccoli, captando così ciò che più vi interessa e piace. Museo con due anime, uno ottocentesco l’altro che strizza l’occhio al contemporaneo, propone laboratori e brevi guide per famiglie con bambini (dai 7 ai 12 anni) per le collezioni permanenti, mentre per quelle temporanee viene fornito del materiale didattico per conoscere meglio gli artisti. I piccoli visitatori sono invitati a conoscere gli artisti e le opere esposte con l’aiuto del materiale didattico preparato appositamente per loro. http://www.gnam.beniculturali.it/

 

Macro

Il Museo di Arte Contemporanea di Roma (MACRO) è un istituto museale facente parte del sistema dei “Musei in Comune”. Si trova nei pressi di Porta Pia, nel quartiere Nomentano di Roma realizzato dall’architetto francese Odile Decq. Una sede secondaria, denominata MACRO Future, è situata in due padiglioni dell’ex mattatoio di Testaccio, vicino alla Piramide Cestia. Istituito tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo con il nome di Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, il museo ha avuto sede in diversi edifici. All’inizio del XXI secolo è stato destinato a Museo di Arte Contemporanea di Roma. Nel corso dell’anno ricco il programma di iniziative e attività dedicate ai bambini, al fine di stimolare e approfondire la conoscenza dell’arte e della storia millenaria di Roma sin da bambini. http://www.museomacro.org/

 

Maxxi

Il MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo è un luogo interamente dedicato all’arte contemporanea. Si tratta della prima istituzione italiana rivolta alla creatività dei nostri giorni. La monumentale sede del MAXXI (27.000 mq) è l’innovativa opera architettonica progettata dall’architetto Zaha Hadid. Situata nel quartiere Flaminio e realizzata grazie a un progetto di recupero di vecchie officine militari, la struttura è già di per sé un’opera d’arte. Il MAXXI è ufficialmente entrato a far parte delle learning destinations della Children’s University, l’organizzazione nazionale dedicata ai bambini di età compresa tra i 5 e i 14 anni. Tante le attività didattiche rivolte a famiglie e bambini: storici dell’arte specializzati in Didattica del museo e del territorio, Museologia e Storia dell’architettura, accompagneranno i piccoli e grandi visitatori alla scoperta delle arti contemporanee. http://www.fondazionemaxxi.it/

 

Musei Capitolini

Per far scoprire anche ai più piccoli le meraviglie conservate ai Musei Capitolini è disponibile uno speciale percorso con audio guida dedicato a bambini e famiglie. Un servizio pensato proprio a misura di “piccolo visitatore”. Grazie alla “collaborazione” del grande imperatore Marco Aurelio, insieme con il suo simpatico e sarcastico destriero Lampo, i bambini e le famiglie saranno accolte all’interno del Museo per poi iniziare il tour “a misura di bambino”, cavalcando per le sale, tra battute, spiegazioni, risate e momenti d’ispirazione e commozione. Grazie a questa visita i più piccoli potranno scoprire con i propri genitori la magnificenza della città Eterna, Romolo e Remo e la Lupa divertendosi. http://www.museicapitolini.org/

 

Musei Vaticani

Visitare i Musei Vaticani con i bambini non è cosa da poco. Ma è una di quelle imprese che val la pena affrontare. Varcare la soglia dei Musei Vaticani significa entrare nella storia con la “S” maiuscola. I Musei Vaticani sono uno dei luoghi più antichi e vasti del pianeta al cui interno sono conservati capolavori inestimabili e ineguagliabili e che, proprio per questo motivo, è anche uno dei più frequentati al mondo. La visita con i bambini sarà entusiasmante grazie agli ausili messi a disposizione delle famiglie, come il family tour, l’itinerario specifico per bambini e ragazzi che utilizza musiche, racconti e testi molto semplici e accattivanti. Non solo: è prevista anche una caccia all’opera d’arte realizzata con il supporto anche di una mappa. I Musei Vaticani permettono l’accesso ai passeggini e al suo interno si trovano più punti ristoro. Mappa alla mano e audioguida modalità on e via, la scoperta può iniziare! http://www.museivaticani.va/

 

Museo APR – Archeologia Per Roma

Il Museo Apr – Archeologia per Roma è un museo didattico e interattivo sull’archeologia nella capitale. Destinato agli adulti e ai bambini, è un luogo da frequentare e da vivere insieme ai bambini, per insegnare loro (e riscoprire noi) le tante cose diverse che hanno dato vita al mondo antico. Tante le attività didattiche e di intrattenimento, curate da archeologi con una lunga esperienza didattico ­ museale. In particolare la visita per i più piccoli, ha lo scopo di stimolare la curiosità verso il mondo antico attraverso strumenti interattivi e la possibilità di toccare con mano i reperti archeologici. Gli adulti possono conoscere, attraverso la lettura di pannelli e la visione di oggetti d’uso quotidiano, alcuni aspetti della storia di Roma antica i cui resti sopravvivono ancora, in grandissima parte, fuori dalle Mura Aureliane. Grazie ai periodici laboratori che vengono organizzati, i bambini hanno l’opportunità di conoscere alcune tecniche di produzione del mondo antico e di acquisire nuove conoscenze divertendosi. Come ad esempio: “I primi vasai”, “Costruiamo una lucerna romana” e “La fabbrica dei mattoni”, per scoprire la lavorazione dell’argilla. http://www.museoapr.it

 

Museo Astronomico / Planetario

Il Planetario e Museo Astronomico è un complesso museale e didattico situato all’Eur, all’interno del Museo della Civiltà Romana. È un museo comunale e fa dunque parte del sistema “Musei in comune”. Il Planetario è costituito da una cupola di 14 metri da cui con l’ausilio di tre proiettori digitali vengono riprodotte simulazioni e proiezioni all-sky di corpi celesti e nebulose, oltre alla tradizionale e meravigliosa riproduzione del cielo stellato, dei moti della Luna e dei pianeti. Il complesso offre inoltre una vasta programmazione di spettacoli astronomici dal vivo, conferenze, eventi e osservazioni astronomiche a scopo divulgativo. Ma non solo: nel museo astronomico adiacente sono periodicamente proposti grandi modelli dei pianeti, diorami e postazioni multimediali interattive con videogiochi astronomici. Per famiglie e bambini, è uno spettacolo stellare per stupire bambini di ogni età. http://www.planetarioroma.it/

 

Museo del Pleistocene

Visitando il Museo del Pleistocene sarete condotti in un viaggio all’indietro per scoprire la Roma di 200mila anni fa. Il museo si trova a Casal de’ Pazzi e nasce dal ritrovamento di una zanna d’elefante rinvenuta nel 1981 durante i lavori di urbanizzazione della zona di Rebibbia. Il ritrovamento diede il via a un’indagine archeologica su un’area di oltre 1.200 mq che portò alla luce il tratto di un antico alveo fluviale. Vennero scoperti più di 2mila fossili animali, appartenenti a specie impensabili oggi nella campagna romana, come l’elefante antico, l’uro, l’ippopotamo, il rinoceronte e anche un frammento di cranio oltre a 1.500 manufatti in selce che testimoniano la contemporanea presenza di uomini. Il sito dove oggi ha sede il museo costituisce l’ultima testimonianza di una straordinaria serie di depositi pleistocenici che costellavano la bassa valle dell’Aniene, distrutti dall’avanzare della città. Ad ingresso gratuito, potrete osservare e far osservare ai vostri bambini il letto del fiume dall’alto di una passerella, visionare suggestive proiezioni che mostrano grandi massi, resti fossili del giacimento (tra cui zanne lunghe fino a 4 metri, denti e vertebre). Insomma, un inaspettato paesaggio “archeologico” nel pieno della città i cui misteri vengono svelati con l’ausilio di una voce fuori campo. http://www.museiincomuneroma.it/servizi/news/apre_il_museo_di_casal_de_pazzi

 

Museo del videogioco

Inaugurato nel 2012, Vigamus, il Museo del Videogioco, ospita una mostra permanente sulla storia del videogioco, con oltre 250 oggetti in esposizione. Luogo d’incontro per gli appassionati dei videogiochi, visitando il museo se ne può ripercorre la storia (ben illustrata con più di 65 pannelli didattici in lingua italiana e inglese) e anche per poterci igocare. L’area, di circa 1.000 metri quadrati, comprende anche un vero e proprio centro studi e ricerche che ospiterà nella grande sala conferenze ogni genere di attività e iniziative per conoscere più a fondo il mondo del videogioco che risale addirittura al 1958 e cercare di coniugare così svago e cultura. http://www.vigamus.com/

 

Museo della Civiltà Romana

Il museo della Civiltà Romana si trova all’Eur in un monumentale edificio ultimato 1955. L’ingresso assomiglia a quello di un tempio egizio, con colonne altissime e dal forte impatto soprattutto per i bambini. La collezione è composta in larga parte di riproduzioni: calchi di statue, di busti, di iscrizioni, di rilievi e di parti di edifici a grandezza naturale. Tanti i plastici disposti lungo il percorso che ricostruiscono monumenti e complessi architettonici di Roma e delle provincie dell’impero romano. All’interno c’è anche il famoso plastico della Roma Imperiale in scala 1:250. Ma le sorprese per i più piccoli non finiscono: vi è anche una capanna in cui doveva vivere qualcuno importante perché molto grande, con un orto e un recinto. In molti credono che vi abbia vissuto Romolo, il primo re di Roma. Il tour del Museo della Civiltà Romana molto divertente, didattico, che trasmette il vero significato di civiltà romana inteso come cultura, potenza, ingegno, intelligenza dei nostri antenati. http://www.museociviltaromana.it/

 

Museo delle Cere

Da Napoleone a Totti, da Garibaldi a Ligabue, da Leonardo Da Vinci a Picasso, sono davvero tanti i personaggi presenti al Museo delle Cere. Fondato nel 1958 da Fernando Canini, il Museo delle Cere trae spunto dai musei delle cere di Londra e Parigi. La raccolta è la prima in Italia e la terza in Europa per numero dei personaggi rappresentati. Fra le scene e i celebri personaggi rappresentati, ci sono Napoleone Bonaparte che viene incoronato imperatore a Notre Dame, i letterati Oscar Wilde e Giacomo Leopardi. Tra il mondo della politica spiccano Stalin, Winston churchill, Roosvelt. Fra gli artisti e musicisti vi sono Strauss, Toscanini, Verdi, Wagner, Puccini, Leonardo Da Vinci, Goya e Picasso. Sono presenti anche i calciatori rappresentativi della nazionale italiana, come Francesco Totti, attori internazionali come Brad Pitt e, per quanto riguarda i grandi del cinema italiano, Alberto Sordi e Nino Manfredi. Qui potrete fare una vera e propria passeggiata nella storia, imbattendovi nei personaggi celebri italiani e stranieri che hanno determinato le sorti del nostro mondo attuale. http://www.museodellecere.com/

 

Museo del Trasporto (Polo Museale Atac)

Il Museo del Trasporto si trova ad Ostiense, di fianco alla Stazione della metropolitana Piramide, ma è praticamente sconosciuto ai romani. E’ il Parco Museo del trasporto di Atac. Inaugurato nel 2004, è un giardino in cui sono custoditi alcuni locomotori e tram storici delle diverse aziende che hanno trasportato i romani nell’ultimo secolo, tutti restaurati e visitabili. Una testimonianza non solo di chi si muoveva dentro la città, ma anche delle “gite fuori porta”, verso il mare, i Castelli Romani, Fiuggi e Viterbo. Un museo a cielo aperto perfetto per gli amanti del trasporto su ferro, trenini e affini. Ad ingresso gratuito.

 

Museo di Zoologia

Fondato nel 1932 il Museo Civico di Zoologia si trova in via Aldrovandi al quartiere Parioli. Possiede un patrimonio di circa 5 milioni di esemplari conservati, che vanno dalle conchiglie fino ad una balenottera lunga 16 metri! Museo Civico di Zoologia ha sale ampie e molto diverse tra loro. I bambini si divertiranno tanto ad esplorare in libertà e scoprire ogni tipo di animale. Il tema conduttore del percorso espositivo è la biodiversità nel mondo animale. Attraverso le sale di amori bestiali, vivere al limite, la barriera corallina, le zone umide della campagna romana, la collezione Arrigoni degli Oddi di uccelli, i mammiferi, gli anfibi e i rettili, fino allo scenografico salone degli scheletri, utilizzando anche strumenti multimediali e multisensoriali, i visitatori potranno conoscere le diverse forme animali e capirne l’origine e gli adattamenti a molteplici tipi di ambiente. Per informazioni: http://www.museodizoologia.it/

 

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari

Il museo si trova all’Eur, all’interno dell’IDEA, l’Istituto centrale per la demoetnoantropologia. Raccoglie oggetti che testimoniano le arti e le tradizioni popolari tra la fine del diciannovesimo secolo e la prima metà del Ventesimo, a testimonianza della vita quotidiana, del lavoro e e delle arti e tradizioni popolari che vanno dal periodo precedente all’industrializzazione. Il nucleo principale delle collezioni venne raccolto alla fine dell’800 e nei primissimi anni del ‘900 dall’etnologo Lamberto Loria (1855-1913) e venne esposto alla Mostra etnografica di Roma del 1911 in occasione delle celebrazioni del Cinquantenario dell’Unità d’Italia. Le collezioni, arricchite di numerose acquisizioni e donazioni, sono state collocate nell’attuale sede dell’EUR nel 1956. Il Museo ospita inoltre mostre tematiche su arti e tradizioni popolari italiane ed estere, nonché mostre di arte contemporanea di autori le cui opere sono realizzate con metodi e materiali riconducibili alla tradizione. http://www.idea.mat.beniculturali.it/

 

Palazzo delle Esposizioni

Al Palazzo delle Esposizioni di Roma con semplicità e gioco si spiega l’arte ai bambini, anche grazie all’ausilio di visite guidate dedicate e laboratori creativi. Il Palazzo delle Esposizioni offre al pubblico adulto molte mostre ed eventi interessanti che non sono facili da seguire con i bambini quindi per coinvolgere anche loro e farli divertire, conoscendo l’arte è possibile partecipare ai laboratori o alle visite animate o, per i più piccoli, dai 4 ai 5 anni, ascoltare le letture o giocare con i colori e i materiali. I laboratori si tengono nell’area “Atelier” a cui si accede passando in un corridoio che è esso stesso un’opera d’arte, il tunnel di luce Pénétrer l’invisible, installazione permanente di Nathalie Junod Ponsard che attirerà sicuramente l’attenzione dei vostri piccini. www.palazzoesposizioni.it

 

Technotown

All’interno di Villa Torlonia in un grazioso villino in stile medievale costruito agli inizi del ‘900, si trova il primo museo della tecnologia della capitale, interamente dedicato ai bambini. Al suo interno, attraverso giochi e laboratori, i bambini scoprono il potenziale creativo della tecnologia. Tante e divertenti le cose che si possono fare a Technotown: realizzare sculture in polistirolo grazie a un sistema laser, comporre musiche attraverso un sistema visuale e registrare un vero cd, saltare su sensori di movimento creando effetti video straordinari (come ballare sul Colosseo o fare un puzzle con i piedi), viaggiare nel tempo! Da qualche mese inoltre, Technotown ospita il Planetario di Roma, in attesa del termine dei restauro.

E ancora...

Open Popup
  • orari_settembre_bios