fbpx
Tu sei qui:
Visita_oculistica_bambini

Perchè effettuare la visita oculistica?

La visita oculistica per i bambini è un momento importante per la ricerca e la prevenzione di eventuali anomalie o alterazioni, specialmente in età evolutiva. Per informare le famiglie e rispondere a dubbi e domande ecco i consigli del Dott. Giuseppe Berruti,  nostro specialista in Oculistica Pediatrica, già Dirigente Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

“Secondo un protocollo di intesa tra medici oculisti e pediatri è stata stabilita una sequenza di visite a partire dall’età di: 1 anno, 3 -4 anni e 6 anni.  Visite che nel corso degli anni consentono allo specialista di diagnosticare con tempestività eventuali difetti e/o problemi. Effettuare con regolarità le visite oculistiche vorrà dire assicurarsi un importante monitoraggio per la salute dell’occhio del bambino e consentire – se necessario – di intervenire efficacemente con idonee e mirate terapie”.

Quali sono i principali difetti che si possono riscontrare nella vista dei bambini?

I principali difetti che si riscontrano in età evolutiva sono:

  • l’ipermetropia
  • la miopia
  • l’astigmatismo

Oltre naturalmente a quelli che possono essere difetti congeniti come ad esempio:

  • la cataratta
  • il glaucoma
  • lo strabismo

Quali sono gli atteggiamenti da tenere sotto controllo?

Di norma i genitori sono i primi “controllori” che sentono, vedono e si accorgono se sussistono atteggiamenti anomali nei propri figli.  Qualora le mamme o i papà si dovessero accorgere di insoliti comportamenti del bambino come ad esempio:

  • Lo strizzare gli occhi frequentemente
  • L’inclinare o ruotare la testa assumendo conseguenti posizioni anomale
  • La frequente chiusura di un occhio quando si è esposti ad una luce forte
  • Arrossamenti, lacrimazioni, fastidio per luce intensa, sfregamenti degli occhi

Ebbene, in questi casi è consigliabile anticipare la visita oculistica,  naturalmente consultando prima il proprio medico pediatra.

Per info e prenotazioni CUP Bios 06/809641

Se un “occhio” allo stato di salute degli occhi vogliono darlo anche mamma e papà, alla Bios si può.
Basta un click qui per saperne di più.