Tu sei qui:
otite bambini

Il mal d’orecchio

Il mal d’orecchio (meglio noto come otite) deriva da un’infammazione della parte media dell’orecchio, con accumulo di muco e/o conseguente infezione. Accompagnata da dolore, l’otite è dovuta prevalentemente da infezioni virali o –  in un numero minore di casi – da infezioni batteriche, che si giovano della cura con antibiotici. Spesso sono conseguenti a un raffreddore, se il bambino soffre di otite, può anche avere qualche linea di febbre. Il bambino potrebbe avere la sensazione di sentirsi tirare o sfregare in un orecchio, ma i piccoli non sempre riescono a capire da dove viene il dolore e possono anche solo piangere e apparire abbattuti, irrequieti, piagnucolosi e infastiditi.

Cosa fare in caso di otite nei bambini

  • Se vostro fglio ha mal d’orecchio, ma per il resto sta bene, può essere somministrato paracetamolo o ibuprofene alle dosi consigliate.
  • Non mettete olio o gocce otologiche nelle orecchie di vostro fglio senza consiglio medico.
  • Effettuate lavaggi nasali con abbondante soluzione fsiologica, poi fate soffare delicatamente il naso al bambino.

Quando telefonare al pediatra!

  • Se c’è dolore e febbre e il bambino appare sofferente;
  • Se fuoriesce secrezione di pus dall’orecchio;
  • Se il bambino è piccolo e piange e si tocca le orecchie in concomitanza con un raffreddore;
  • Se anche con l’uso degli antidolorifci (paracetamolo o ibuprofene) continua ad avere dolore.

N.B.

Dopo un’otite il vostro bambino potrebbe avere problemi di udito per un periodo che va dalle due alle sei settimane. Se il problema persiste ulteriormente consultate il pediatra per approfondimenti.

In caso di otite nel nostro Centro è attivo il servizio di Otorinolaringoiatria Pediatrica. Clicca qui per visitare la pagina dedicata