fbpx
Tu sei qui:
attività agonistiche e bambini

L’estate sta finendo e tra poco i nostri bambini riprenderanno scuola e attività agonistiche. Facciamo chiarezza sui certificati di idoneità e gli esami da effettuare per far praticare sport ai nostri figliOggi facciamo chiarezza su certificati di idoneità e esami da effettuare per far praticare ai nostri figli una disciplina a livello agonistico. Ecco cosa ci ha detto il nostro Medico dello Sport, il dott. Sergio Lupo.

1.    Dott. Lupo, cosa si intende per attività agonistica?

Per attività agonistica si intende quella attività praticata continuativamente, sistematicamente ed esclusivamente in forme organizzate dalle Federazioni sportive nazionali, dagli enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI e dal Ministero dell’Istruzione, per quanto riguarda i Giochi della Gioventù a livello nazionale. Tale attività ha lo scopo di conseguire prestazioni sportive di elevato livello. La qualificazione sportiva agonistica, anche in base ai limiti di età, è stabilita da ogni singola Federazione sportiva e dagli enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI (ad esempio: calcio 12 anni, nuoto 8 anni, ginnastica artistica 8 anni, tennis 8 anni, pallavolo 10 anni ecc.).

2.    Chi può rilasciare il certificato di idoneità all’attività agonistica?

Esclusivamente i medici specialisti in medicina dello sport inseriti nell’elenco regionale, operanti presso strutture pubbliche o private accreditate.

3.    Cosa contempla una visita per poter poi svolgere attività agonistica?

Innanzitutto la richiesta deve provenire dalla società sportiva e deve essere redatta secondo il modulo regionale. L’atleta si deve presentare al centro di medicina dello sport con tale richiesta. Il medico specialista in medicina dello sport deve effettuare personalmente l’anamnesi e la visita medica, garantendo l’effettuazione di tutti gli accertamenti clinici e di diagnostica strumentale necessari. In altre parole, il giudizio finale di idoneità non può essere disgiunto dalla effettuazione degli atti necessari alla formulazione del giudizio stesso.
In particolare deve essere effettuato l’IRI test, sotto il controllo dello specialista e monitoraggio elettrocardiografico. La visita può essere integrata da accertamenti, di laboratorio o strumentali, laddove il medico dello sport sportivo li ritenga necessari a chiarire eventuali dubbi diagnostici. Infine è dovere del medico dello sport sportivo informare l’atleta sui rischi per la salute connessi all’uso di sostanze dopanti. Infine, nel caso di minorenni ricordo che occorre il consenso dei genitori e che al momento della visita deve essere presente almeno un genitore.

4.    Per quanto tempo è valido il certificato per l’attività agonistica?

Di norma ha validità di un anno dalla sua emissione, salvo per alcuni sport per il quale ha validità biennale (ad esempio bocce, golf …).

5.    Dott. Lupo ha consigli e suggerimenti per i bambini e i giovani che si apprestano a svolgere costantemente attività agonistica?

Di solito chi pratica attività sportiva agonistica, ha svolto in precedenza attività ludico-motoria e/o non agonistica. Ha quindi iniziato un percorso di allenamento di tipo generale e specifico che ne ha iniziato la preparazione fisica e tecnica.
Per una corretta pratica dello sport, l’allenamento deve essere ben effettuato, costante e con carichi di lavoro idonei e non eccessivi per l’età e la struttura fisica del soggetto. E’ poi fondamentale un corretto recupero fisico dopo l’allenamento: svolgere un carico di allenamento eccessivo e senza un adeguato recupero dalla fatica può essere controproducente e rischioso per l’organismo, inoltre può non far ottenere i risultati prefissati .
La prima cosa da fare è comunque una visita con lo specialista in medicina dello sport, per una valutazione generale e specifica dell’efficienza fisica e per avere le indicazioni ed i consigli necessari ad una pratica dello sport priva di rischi della salute. La visita deve servire anche ad avere le corrette indicazioni di igiene posturale e alimentare, necessarie per ottenere con l’allenamento un miglioramento dell’efficienza fisica e della prestazione sportiva.

 

E se gli atleti sono mamma o papà, la Bios annovera tra i suoi servizi anche quello dedicato agli sportivi di professione e non. Per saperne di più clicca qui