fbpx
Tu sei qui:
riconoscere la celiachia nei bambini

 

Come riconoscere la celiachia nei bambini

La malattia celiaca è una infiammazione cronica dell’intestino causata dall’assunzione di glutine da parte di individui predisposti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni cereali (frumento, segale, orzo, farro, spelta, kamut, triticale). La prevalenza di tale patologia in Europa è di circa 1% con un rapporto maschi/femmine di 1:2.

Come si manifesta la celiachia

La celiachia si può manifestare a qualsiasi età con una sintomatologia tipica ma anche con sintomi atipici. I sintomi tipici sono soprattutto diarrea (ma anche a volte stipsi), dolori addominali, gonfiore addominale, inappetenza, perdita di peso, scarso accrescimento. A volte però questi sintomi possono non essere presenti e la malattia si può manifestare con una sintomatologia atipica di solito collegata al malassorbimento di nutrienti come anemia, osteoporosi, anomalie dello smalto dei denti, delle unghie, aftosi orali ricorrenti, cefalea, irritabilità. A volte la celiachia può essere completamente asintomatica.

Come si riconosce la celiachia nei bambini ?

Per fare diagnosi è necessaria l’esecuzione di esami ematici per il dosaggio degli anticorpi anti transglutaminasi ed anti endomisio. La loro positività fa sospettare la malattia ma in alcuni casi bisogna effettuare una biopsia duodenale tramite l’esecuzione di una esofagogastroduodenoscopia per dimostrare la presenza delle lesioni tipiche della celiachia.

Secondo le nuove linee guida della Società Europea di Epatologia, Gastroenterologia e Nutrizione Pediatrica (ESPGHAN) la biopsia duodenale si può evitare se sono presenti i seguenti criteri:

  1. quadro clinico di malassorbimento e sintomi correlati all’assunzione di glutine
  2. positività per anticorpi anti-transglutaminasi IgA superiore ad almeno 10 volte il valore soglia
  3. positività per gli anticorpi anti endomisio IgA
  4. presenza del profilo genetico compatibile (HLA-DQ2 e/o DQ8)

Ad oggi la dieta senza glutine è l’unica terapia. La dieta deve essere rigorosa e deve essere quindi seguita molto scrupolosamente per tutta la vita.

Articolo a cura della Dr.ssa Daniela Knafelz Medico Chirurgo Specialista in Pediatria Unità di Epatologia, Gastroenterologia e Nutrizione Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e Bios Spa