fbpx
Tu sei qui:
55301961 - child sneezing allergic to flower pollen in summer

La rinite allergica è un problema comune durante l’infanzia e l’adolescenza e pur non essendo sempre una malattia grave, impatta negativamente sul benessere fisico, sociale e psicologico. La sua prevalenza è tendenzialmente in aumento  arrivando a colpire dal 5 al 35% della popolazione. Oggi, la divulgazione e l’applicazione delle linee guida sono in grado di migliorare la gestione dei pazienti.

Come intervenire?

Gli antistaminici orali di seconda generazione e i corticosteroidi intranasali sono entrambi appropriati per il trattamento di prima linea della rinite allergica, anche se questi ultimi sono più efficaci sui sintomi ostruttivi. Singole somministrazioni giornaliere di corticosteroidi sono preferibili dato il loro profilo di sicurezza migliore. Terapie potenzialmente utili in aggiunta al trattamento comprendono antagonisti del recettore dei leucotrieni per via orale, brevi sequenze di decongestionanti nasali, irrigazioni saline e anticolinergici nasali. L’immunoterapia allergene-specifica è utile nelle forme di rinite allergica IgE-mediata e può prevenire la comparsa di nuove sensibilizzazioni e lo sviluppo di asma. La rinite si associa spesso all’asma e costituisce fattore di rischio per la sua insorgenza.

Possibili complicanze

Oltre all’asma possono associarsi alla rinite numerose altre co-morbilità. La prevalenza dell’allergia alimentare, cioè di quella quota di reazioni avverse ad alimenti che hanno alla base un meccanismo immunologico, è circa il 6% in età pediatrica e il 3,7% negli adulti; questo contrasta con approssimativamente il 20% della popolazione che altera la propria dieta per una “percepita” reazione avversa ad alimenti2-3.

La diagnosi

La diagnosi di allergia alimentare si deve effettuare con procedure scientifiche per fornire informazioni adeguate alla famiglia,  evitare false malattie e/o stati di ansia che possono degenerare in isolamento o iperprotezione del bambino e attuare una terapia corretta ed efficace.

Leggi anche:

Cosa fare in caso di asma

Riconoscere le allergie alimentari

 

Prenota qui un consulto allergologico